DAMIANO FASSO

Pittura / Fotografia

damiano_fasso.jpg

"Addentrandosi nell'appariscente mondo della cultura pop prodotta in serie, Damiano Fasso si concentra nel rivelare gli scandalosi aspetti contrastanti che si nascondono dietro immagini apparentemente innocenti e gioiose."

Damiano Fasso è nato nel 1976 a Vicenza.


Dopo la laurea in Lettere all'Università Cattolica di Brescia, studia lingue e culture dell'Asia orientale e si diploma all'Accademia di Belle Arti di Venezia.


Nelle sue opere, realizzate con materiali diversi come il plusch, gli smalti fluo, i prodotti chimici tossici e la polvere da sparo, unisce una forte dose di ironia, con un occhio ai gruppi sociali e alle identità.


Vive e lavora tra Treviso e Venezia, principalmente con pittura, fotografia e videoinstallazioni. I suoi lavori sono stati esposti in molte sedi e pubblicati su diverse riviste.
 

"Addentrandosi nell'appariscente mondo della cultura pop prodotta in serie, Damiano Fasso si concentra nel rivelare gli scandalosi aspetti contrastanti che si nascondono dietro immagini apparentemente innocenti e gioiose. L'artista utilizza persino materiali con connotazioni contraddittorie al fine di perseguire questa dualità assurda, combina glitter e plastica con polvere da sparo o addirittura veleni pericolosi.  Le caramelle zuccherate fanno da sfondo a una fotografia che ritrae la morte di un robot giocattolo e i personaggi e gli animali dei cartoni animati colorati al neon sono accompagnati da un testo ripetuto che implica idee di distruzione e brutalità.  Damiano Fasso suggerisce poeticamente che "la morte diventa pop".  Uno sguardo occidentale potrebbe non essere sempre in grado di decifrare immediatamente le frasi che riecheggiano sui pezzi dell'artista, poiché sono scritte in cinese e giapponese, l'artista rende omaggio alle culture che influenzano pesantemente la sua pratica. Queste forme pittoriche che ritraggono creature fantastiche, ricordano il concetto di 'Super Flat' degli anni Novanta di Takashi Murakami, poiché i personaggi monodimensionali abitano quasi sempre le tele, come figure piatte dipinte o per esempio personaggi di manga, esistenti entro i limiti fisici dei bordi dell'opera.  Alcune scelte stilistiche - caratteristiche anche dell'arte contemporanea asiatica - provengono infatti da pratiche tradizionali, una narrazione moderna di un mondo di ingiustizia mascherata da belle tinte - che attira le masse.
L'artista fotografa anche figurine, giocattoli astronauti e strani pupazzi robotici, costruendo scenari attraverso un'attenta pianificazione e una scenografia in miniatura.  Camuffati in un'estetica da videogioco, dettagli ingranditi di semplici contesti quotidiani e scritte ambigue che inviano messaggi di avvertimento criptati allo spettatore. Un effetto ironico è generato attraverso l'apparente conflitto tra le immagini e il soggetto, riflettendo sulla perdita dell'innocenza e il fragile senso di sicurezza che incontriamo quotidianamente nel mondo reale e umano".

 

Artista esperto

In rapida crescita

Artista su cui investire

FMB Art Gallery LOGO BOXED RGB 150.jpg
FMB Art Gallery LOGO BOXED RGB 150.jpg

Artista certificato dalla galleria

Opere certificate dalla galleria